Negli ultimi 20 anni la Svizzera ha perso più della metà dei suoi produttori di latte. Si tratta di più di 20.000 aziende agricole che hanno dovuto cambiare di gestione a causa dell’insostenibile politica dei prezzi. Di recente, il Consiglio federale ha addirittura dovuto approvare diverse importazioni di burro per evitare strozzature. Anne Chenevard sta combattendo contro questa assurda situazione come presidente della Faireswiss. La cooperativa del latte è cresciuta costantemente negli ultimi anni ed è ora rappresentata con il suo latte equo in oltre 400 sedi. Invece dei quasi 55 centesimi, che di gran lunga non coprono i costi di produzione, i contadini ricevono un franco per litro di “oro bianco”.

Mucca.ch ha parlato con il responsabile del progetto Berthe Darras della situazione attuale dei produttori di latte e degli obiettivi della Faireswiss.

Che cos’è Faireswiss?

Il segnale di partenza è stato dato il 23 settembre 2019, giorno in cui 14 produttori di latte, provenienti principalmente dai cantoni francofoni, hanno lanciato il latte Faireswiss. Questo progetto consiste in dieci anni di lavoro. Dallo sciopero del latte del 2009, l’organizzazione dei contadini Uniterre si batte per garantire che i produttori di latte ricevano un franco al litro per coprire i costi di produzione. Ora questa lotta è stata premiata! Le vendite di latte equo e solidale superano tutte le nostre aspettative. Dal gennaio 2020, 20 nuovi soci sono già entrati nella cooperativa. Attualmente abbiamo partner a Basilea, Zurigo, Lucerna, San Gallo, Ticino, Berna, ecc. E nuovi arriveranno nel 2021.

Dove si trovano i prodotti Faireswiss?

In tutti i negozi Manor in Svizzera, ma anche nei negozi Spar. Ci potete trovare anche nei negozi di alimentari locali, nei caffè e nei ristoranti. In totale ci sono più di 400 punti vendita in tutta la Svizzera.

La gamma è composta da latte intero UHT e latte parzialmente scremato, lavorati da Cremo. Ci sono anche sei formaggi a pasta molle del caseificio Grand Pré di Moudon, la crema di caffè (inizialmente per i ristoranti) e presto una fondue a base di 50% Gruyère AOP e 50% Vacherin Fribourgeois AOP.

Perché è stato fondato Faireswiss?

La produzione di latte svizzera è in pericolo! Nel 2019 avremo perso altri 520 produttori di latte. Stiamo per scendere sotto la soglia dei 19.000. 20 anni fa in Svizzera c’erano più di 40.000 produttori di latte: oltre il 50% si è smesso di produrre. La produzione di latte per il 2019 è storicamente bassa. Le scorte di burro svizzero sono a un minimo storico. Di conseguenza, il Consiglio federale ha approvato diverse importazioni di burro per evitare strozzature. C’è abbastanza latte, ma il problema è la lavorazione. Invece di usarlo per produrre burro svizzero, si produce formaggio a pasta semidura per l’estero. Si tratta di un primo passo per facilitare le importazioni di prodotti lattiero-caseari, attualmente soggetti a tasse elevate – per proteggere i produttori di latte nazionali. Ma se queste tasse continuano a diminuire, l’industria casearia svizzera è destinata a morire. E poi, nel bene e nel male, in futuro dovremo bere latte proveniente da aziende agricole straniere. E che in un paese come la Svizzera.

Come siamo arrivati a questo punto?

Molto semplicemente: in media, un agricoltore riceve da 50 a 55 centesimi per litro di latte industriale. Ma per coprire i costi di produzione sarebbe necessario almeno 1 franco. Ecco perché contiamo su di voi come consumatori! Con l’acquisto di latte equo, sosteneteci nel garantire che domani ci sarà ancora la produzione di latte in Svizzera!

Troverete ulteriori informazioni su Faireswiss.ch direttamente sulla nostra homepage.

Lasciare un commento