Seguici

Home  /  Mucca   /  Meno latte puro, ma più prodotti sostitutivi
latte-pixabay

Meno latte puro, ma più prodotti sostitutivi

Negli ultimi dieci anni il consumo di latte in Svizzera è notevolmente diminuito: Secondo l’Associazione svizzera degli agricoltori (Agristat), il consumo è sceso da 75 litri nel 2008 a circa 50 litri di latte pro capite all’anno. I produttori di latte parlano di un calo minore del “solo” 18 per cento, perché la prima cifra comprende anche il latte trattenuto dai produttori per uso proprio. Anche i dettaglianti risentono degli effetti di questo cambiamento nel comportamento dei consumatori: Sempre meno persone si rivolgono al latte “puro”. Allo stesso tempo, i prodotti sostitutivi e le bevande miste stanno diventando sempre più popolari. Le vendite di bevande a base di soia, mandorla o riso sono in aumento sproporzionato.

Acqua costosa

Sebbene alcuni sostituti siano quattro volte più costosi del normale latte intero, sono in gran parte a base d’acqua. Inoltre, contengono meno del 15 per cento di riso o un massimo del 10 per cento di soia o dell’8 per cento di mandorle. Lo dimostra uno studio condotto dalla rivista per i consumatori K-Tipp. La nutrizionista Beatrice Conrad spiega in un’intervista che il latte intero contiene tutti i principali nutrienti di cui il corpo umano ha bisogno: Carboidrati, grassi e proteine. I prodotti lattiero-caseari sono anche importanti fonti di calcio, che è uno degli elementi costitutivi delle ossa e svolge importanti funzioni per l’attività muscolare. I cereali come il riso e l’avena non sono affatto paragonabili al latte intero in termini di distribuzione dei nutrienti. Contengono solo tracce di proteine e almeno il doppio di carboidrati, che contengono molto zucchero naturale. Sebbene il latte di mandorla abbia la stessa quantità di grassi del latte intero, contiene anche pochissime proteine. Il latte di soia è l’unico latte che ha quasi la stessa distribuzione di sostanze nutritive del latte intero – solo che manca di calcio.

Latte di soia

I sostituti del latte contengono meno ingredienti sani del normale latte intero, ma spesso sono molto più costosi.

Alta qualità

La qualità del latte intero svizzero è generalmente molto elevata. Ciò è dimostrato da un test di laboratorio del K-Tip del settembre 2017, in cui sono state analizzate la composizione di diverse varietà di latte e sono stati analizzati gli effetti del mangime sulla qualità. Fortunatamente, i residui di pesticidi non sono stati trovati in nessuno dei 15 prodotti. Anche la qualità delle varietà di latte intero ha subito solo lievi differenze, soprattutto a causa delle buone condizioni di alimentazione delle vacche da latte in Svizzera, poiché oltre l’80% degli animali trascorre la maggior parte del loro tempo all’aperto da maggio a ottobre. Le differenze sono state particolarmente evidenti nel contenuto di vitamine e omega-3: mentre i prodotti lattiero-caseari di montagna contengono generalmente una grande quantità di vitamine, Demeter e il latte biologico hanno un contenuto di omega-3 più elevato. Conclusione: quanto minore è la concentrazione dell’alimentazione delle vacche e maggiore è la proporzione di diverse erbe nel loro foraggio grezzo, tanto più preziosi sono gli ingredienti contenuti nel loro latte.

Il latte vaccino è e rimarrà una componente importante della nostra dieta, sia in forma pura che trasformata. Se si guarda il portafogli e non si vogliono troppe bevande zuccherate, è una buona idea includere un bicchiere di latte nella dieta quotidiana.

Clicca qui per vedere tutte le aziende agricole che vendono latte.

Mucche

Erba invece di mangimi concentrati. La qualità dell’alimentazione influisce sulla composizione del latte.

Fatti e cifre sul latte

-Il latte UHT contiene praticamente la stessa quantità di vitamine A, B12 ed E del latte pastorizzato. Il riscaldamento è importante per garantire che i germi muoiano e che il latte abbia una maggiore durata di conservazione.

-Il latte intero contiene più vitamine del latte scremato. Questo perché alcune delle vitamine liposolubili A, D ed E si perdono durante la scrematura, il che è sfavorevole perché la vitamina D è importante per l’incorporazione nelle ossa.

-Una vacca mangia fino a 80 chili di cibo locale per i prati al giorno e dà 20-25 litri di latte.

-Ci vogliono da due a tre giorni per convertire l’erba in latte: una mucca che negli Stati Uniti ha dato quasi 10.000 litri di latte nel 2013. In Svizzera erano “solo” 7’400 litri per animale. La ragione di questa grande differenza è il fatto che negli Stati Uniti il mangime concentrato è il principale tipo di mangime. Tuttavia, i mangimi concentrati hanno un impatto negativo sul latte, sulla carne, sulla salute delle mucche e sull’ambiente.

Perdere peso grazie al latte? L’elevato contenuto di proteine e calcio aiuta l’organismo a bruciare i grassi e inibisce la formazione di nuovi grassi. I pasti ricchi di proteine sono una buona fonte di sazietà, aumentano il consumo energetico in combinazione con l’accumulo muscolare e prevengono gli attacchi di fame calda perché lo zucchero nel sangue rimane stabile più a lungo.

-Poiché le cellule della mucosa dell’intestino tenue producono poca o nessuna lattasi, le persone con intolleranza al lattosio non possono digerire il lattosio. Questo porta a processi di fermentazione nello stomaco con flatulenza e diarrea.

-Nei paesi del nord, più persone tollerano il lattosio che nel sud.
Circa il 70% di tutte le persone nel mondo sono intolleranti al lattosio: in Africa e Sud America è circa il 60% e nel Sud-Est asiatico e in Cina il 98% che non riesce a digerire il lattosio.

 

Fonti: Swissmilk.ch, K-Tipp (Vitamine in UHT-Milch), Zentrum der Gesundheit (Laktoseintoleranz), Landwirtschaft.ch (Entstehung der Milch)

Meno latte puro, ma più prodotti sostitutivi
5 (100%) 1 vote