Home  /  Mucca   /  Un suolo sano per un’alimentazione sana
Jakob Bürgi con il suo compost

Un suolo sano per un’alimentazione sana

Mantiene a bada parassiti e patogeni e aiuta le piante sane a crescere vigorose. Questo a sua volta va a beneficio degli esseri umani e degli animali, perché possiamo mangiare in modo ottimale solo con alimenti sani. Il suolo è la base della vita sulla terra e le sue condizioni hanno un impatto diretto sulla qualità del nostro cibo. Perché se il terreno non va bene, anche le sementi migliori, la concimazione mirata o le misure di protezione delle colture non servono a nulla.

Più persone, meno terra

Nonostante la sua importanza, è stata prestata troppo poca attenzione al suolo. In Svizzera, infatti, ogni anno vengono lavate via dai terreni agricoli fino a 840’000 tonnellate di terra. A livello mondiale, la cifra è di circa 23-26 miliardi di tonnellate, il che corrisponde a una perdita dell’1% all’anno (secondo la LID e il PNR 68).

Allo stesso tempo, la globalizzazione del commercio agricolo ha portato i paesi ricchi con poca terra a coltivare sempre più il proprio cibo all’estero. Secondo uno studio dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM), circa il 60 per cento dell’inquinamento ambientale causato dal consumo e dalla produzione svizzeri si verifica attualmente all’estero. E sta crescendo sempre di più perché la popolazione è in aumento, mentre la superficie agricola è in calo. Un altro punto da considerare è che le aree con i suoli più fertili sono costruite, mentre le aree naturalmente improduttive in montagna sono usate come aree di insediamento molto meno frequentemente. Il Ticino ha perso la maggior parte dei terreni agricoli (meno 16 per cento tra il 1985 e il 2009) e dove l’agricoltura è stata abbandonata, sono sorti cespugli e foreste, motivo per cui il cantone è ora boscoso in molti luoghi. Lo sviluppo nel Vallese va nella stessa direzione.

Wald im Tessin

Nel Canton Ticino, in 24 anni il bosco ha recuperato circa il 16 per cento della superficie agricola perché non valeva più la pena di coltivarla (vista dal Monte Brè vicino a Lugano).

L’humus come serbatoio di nutrienti si sta riducendo

In Svizzera si perdono 1,1 metri quadrati di terreno agricolo al secondo. Il nostro suolo non solo si sta riducendo a causa delle aree edificate, ma sta anche perdendo humus. L’humus è definito come tutta la materia organica morta presente nel suolo. È così importante perché protegge la superficie dall’erosione e i suoi componenti sono un eccellente serbatoio di nutrienti per le piante e importanti per gli organismi del suolo.

In tutta la Svizzera, molte aziende agricole con coltivazioni pure hanno un bilancio di humus negativo, e in passato i terreni torbosi fertili si stanno stabilizzando sempre più, il che è dovuto all’agricoltura molto intensiva.

Allo stesso tempo, il suolo è sempre più compattato dalla meccanizzazione dell’agricoltura, che ha portato con sé macchine fino a 60 tonnellate, che possono causare interruzioni nell’approvvigionamento di acqua, aria, nutrienti e calore e favorire inondazioni ed erosioni.

Grosse Maschine auf Feld

Più grandi e pesanti sono le macchine, più il terreno sottostante viene compresso.

Ricca vita nel suolo senza erbicidi

Il contenuto di humus può essere aumentato da fertilizzanti organici come il letame o il compost. Quando i minerali sono in equilibrio e il suolo riceve sufficiente ossigeno, sono necessari meno erbicidi e pesticidi grazie a piante sane e a una ricca vita nel suolo. Un gruppo di ricerca dell’Università di Scienze Applicate e dell’Agroscopio di Berna ha potuto dimostrare, nell’ambito del Programma Nazionale di Ricerca (PNR 68), che la semina diretta in combinazione con il letame verde rende superfluo il controverso erbicida glifosato. Il progetto dovrebbe essere completato entro la fine del 2018.

Più gusto grazie al suo compost

Jakob Bürgi di Feusisberg utilizza il compostaggio dei rifiuti verdi dal 1996. Non solo lo strato di humus è aumentato di dimensioni, ma sono diminuite anche le infestanti come il lapazio (romice).  “La mia terra è più scura e più accartocciata perché è allentata dai lombrichi e riceve più ossigeno. Anche le radici delle piante si estendono molto più in profondità”, spiega l’agricoltore biologico del Canton Svitto. Poiché i nutrienti presenti nel compost (a differenza dei fertilizzanti convenzionali) non sono solubili in acqua, la pianta può utilizzarli molto meglio. “Le verdure diventano più aromatiche, più ricche di sostanze nutritive e meno acquose“, sa Jakob Bürgi.

Komposthaufen

Jakob Bürgi mescola e arieggia il compost con la sua macchina non è pronto dopo 8-10 settimane.

Sebbene abbia bisogno di gran parte delle 500 tonnellate di compost che produce ogni anno per la propria attività, la vendita diretta ai vivai e ai privati sta diventando sempre più importante. “Non solo puoi comprare il compost da me, ma puoi anche raccogliere le verdure nel nostro grande orto”, spiega l’agricoltore innovativo, sperando che in futuro si presti maggiore attenzione al suolo.

Clicchi qui per la fattoria di Jakob Bürgi.

Fonti:

Nationales Forschungsprogramm (NFP 68). Nachhaltige Nutzung der Ressource Boden. Medienmitteilung der Berner Fachhochschule 2016. Zollikofen: BFH-HAFL.

Dudda, Eveline. (2015). Boden unter Druck. Landwirtschaftlicher Informationsdienst LID, 2015 (472). Bern: LID.

Un suolo sano per un’alimentazione sana
Bewerte diesen Beitrag