Home  /  2019  /  febbraio

All’inizio di febbraio, più di 20’000 persone hanno manifestato per il clima nelle città svizzere. Il movimento si è diffuso in tutto il paese: a Zurigo e Berna, ma anche nella Svizzera romanda e in Ticino, scolari e adulti sono scesi in strada con manifesti disegnati da loro stessi. Chiedono che i politici “dichiarino un’emergenza climatica” e che le emissioni nette di gas serra siano pari a zero entro il 2030.

Dalla Svezia al WEF

Tutto è iniziato durante l’ondata di caldo del 2018, quando la sedicenne svedese Greta Thunberg si è tenuta lontana dalla scuola per protestare. Con il suo cartello “Skolstrejk för klimatet” (sciopero del clima scolastico), ha attirato l’attenzione su di sé davanti al Reichstag di Stoccolma. Da allora, il movimento per la protezione del clima ha preso piede non solo in Svezia, Belgio e Francia, ma anche in Svizzera. Sulle bandiere è scritto “rubare il nostro futuro” o “i voli economici sono troppo allettanti”. Greta Thunberg era presente anche al WEF di Davos e ha partecipato ad un forum di discussione sulla politica climatica. Mentre i taxi dell’elicottero hanno sorvolato la città innevata, lei ha volato dalla Svezia alla Svizzera in treno – più di 30 ore a viaggio.

Greta Thunberg (TEDxStockholm, Youtube)
Con il suo “sciopero scolastico per il clima”, Greta Thunberg invita i politici ad agire rapidamente nella lotta contro il riscaldamento globale. Fonte: TEDx Stockholm (Youtube).

Treno invece di aereo

Parlando di traffico aereo, lo sapevate che il volo da Zurigo a New York genera più di una tonnellata di CO2 a persona? Per compensare questo impatto sull’ambiente, sarebbe necessario rinunciare alla carne bovina (circa 50 kg) per un anno o al pollame (circa 150 kg) per 2,5 anni. E solo se rimani a New York e non tornare, altrimenti è il doppio. E se si desidera anche un nuovo smartphone ogni anno, si sta accelerando il degrado dei metalli preziosi e delle cosiddette terre rare, che vengono incoraggiati con sostanze chimiche pericolose. Secondo Greenpeace, negli ultimi dieci anni la sola produzione di smartphone ha consumato 968 terawattora di elettricità in tutto il mondo, il che corrisponde all’approvvigionamento energetico annuale dell’India.

Mele dalla Nuova Zelanda e cetrioli da serra

La frutta neozelandese si trova spesso sugli scaffali dei nostri droghieri, quindi dall’altra parte del mondo. Le ragioni sono molteplici e varie, che vanno dalla stagione ai parassiti importati e alle condizioni climatiche estreme che hanno ampiamente distrutto il raccolto svizzero. E’ ovvio che il trasporto aereo dall’altra parte del mondo non è veramente rispettoso dell’ambiente. Ma in questa fase, va anche detto che gli alimenti svizzeri possono essere molto dannosi, soprattutto se provengono da serre riscaldate con combustibili fossili. È quindi importante non solo prestare attenzione al paese di origine del cibo, ma anche tenere sempre presente il quadro stagionale. E cosa c’è di più piacevole che comprare cibo per il nostro corpo direttamente dal produttore? Così vedete il commercio con persone e animali, fate qualcosa di buono per la vostra salute con le bombe vitaminiche stagionali e incoraggiate l’indipendenza degli agricoltori, che finalmente possono ottenere prezzi equi senza eccessivi margini di vendita al dettaglio.

Gli alimenti non stagionali hanno un impatto significativo sull’ambiente: i pomodori svizzeri in serra possono essere altrettanto dannosi delle verdure importate dalla Spagna.

I consumatori decidono

Il riscaldamento globale è qui. Non possiamo impedirlo completamente, ma possiamo rallentarlo, perché con ogni grado di aumento delle condizioni meteorologiche estreme, i ghiacciai diventano flussi di ghiaccio e le piante autoctone scompaiono. Si può presumere che in futuro la qualità dei prodotti alimentari diminuirà, ma i prezzi aumenteranno allo stesso tempo. Ciò è dovuto non solo all’aumento dei fallimenti delle colture dovuti a condizioni climatiche estreme o a nuovi parassiti, ma anche al fatto che i terreni fertili stanno diventando sempre più rari (vedi anche l’articolo del blog “Un suolo sano per un’alimentazione sana“). E poiché i potenti politici di tutto il mondo spesso preferiscono parlare piuttosto che agire, può non essere così male se studentesse come Greta Thunberg diventano attive e creano un movimento le cui conseguenze per il mondo e il clima sono ancora nelle stelle. Alla fine, tuttavia, è importante che noi, in quanto consumatori, non solo scendiamo in strada, ma viviamo anche una vita quotidiana rispettosa del clima. Ciò include anche il non mangiare cibi non stagionali o l’accettazione di aumenti di prezzo. Speriamo che gli altri facciano lo stesso per noi e non aspettino troppo a lungo finché non sia troppo tardi.

Volete trascorrere l’estate sulle montagne svizzere piuttosto che su spiagge affollate? Contatta Christian Brasser di Lenzerheide per aiutarlo a fare il fieno.

E se non avete ancora pianificato una vacanza: cosa c’è di male nell’aiutare un contadino a produrre fieno per una o due settimane nella zona di Lenzerheide in estate? Per questa esperienza unica, non è necessario un biglietto aereo, l’alloggio sarà fornito e la gita in palestra sarà annullata. L’unico requisito è la patente di guida agricola (G40).

Contatta direttamente Christian Brasser (clicca qui per il profilo). Non vede l’ora di vederti!